Alpini verso l’adunata. Entusiasmo per Pizzul e la rassegna di cori

09 Marzo 2013

Salone degli Scenografi gremito per il primo appuntamento in vista dell’adunata nazionale prevista a Piacenza dal 10 al 12 maggio. Presentati dall’alpino d’eccezione Bruno Pizzul, si sono esibiti il coro Ana Valnure, il coro alpini Valtidone e la fanfara del corpo bandistico di Pontedellolio. In prima fila, insieme al presidente provinciale dell’Ana Bruno Plucani, il sindaco Dosi, l’assessore Bisotti e il presidente del consiglio comunale Claudio Ferrari.

NOTIZIA DELLE 7
Alpini, aspettando l’adunata. Stasera i cori, presenta Pizzul
Bruno Pizzul presenta la rassegna di cori in vista dell’Adunata nazionale degli Alpini – La sua inconfondibile voce è legata alla maglia azzurra, quella che riesce ad incollare al televisore anche chi appassionato di calcio non è. Bruno Pizzul e la nazionale italiana di calcio sono andati di pari passo per 14 anni, dal 1996 al 2002. Non molti sanno che la sua storia è legata anche agli alpini: Pizzul ha frequentato la scuola militare alpina di Aosta ed attualmente è tenente degli alpini in congedo. “Sono sempre rimasto molto coinvolto in questo piacere tipico degli alpini di restare insieme, è una delle poche serie che funzionano in Italia, ad ogni adunata la simpatia popolare sottolinea le benemerenze che l’Ana ha saputo meritarsi” ha commentato il telecronista friulano. E’ per questo che la sezione dell’Ana di Piacenza lo ha voluto fortemente per presentare il primo evento in attesa dell’adunata. Questa sera alle 21 al salone degli scenografi del teatro Municipale, sarà il popolare telecronista a presentare i cori alpini. Sono previste le esibizioni del coro ANA Valnure, del coro alpino Valtidone, oltre alla fanfara del corpo bandistico di Pontedellolio. Oggi parlare di valori nel calcio sembra una contraddizione, ma, come sempre, fare di tutta l’erba un fascio è demagogico. E allora spunta quel calcio pulito in cui i valori sportivi si intrecciano con quelli alpini. “La solidarietà innanzitutto e lo spirito di sacrificio – sottolinea Pizzul – che contempla al tempo stesso il piacere di stare insieme e misurarsi con gli altri”. Piacenza è orgogliosa di accogliere l’adunata che porterà in città cinquecentomila penne nere tra il 10 e il 12 maggio. Tra tanto entusiasmo non manca un briciolo di scetticismo, c’è chi teme che l’evento si trasformi in una bolgia infernale. E’ a loro che si rivolge Bruno Pizzul, che di adunate se ne intende: “Ai piacentini dico che il lunedì mattina troveranno la città più pulita di come l’avevano preparata, perché per gli alpini è motivo di orgoglio lasciare in ordine la città che li ha accolti”.

INTERVISTA A BRUNO PIZZUL

Partono ufficialmente questa sera le manifestazioni legate all’86esima adunata nazionale degli alpini, in programma a Piacenza dal 10 al 12 maggio. Alle 21, nel salone degli scenografi del teatro Municipale è previsto un concerto che vedrà protagonisti il Coro Ana Valnure, il Coro Alpino Valtidone, e il Corpo bandistico di Pontedellolio. A presentare l’evento sarà un alpino d’eccezione: il popolare telecronista sportivo Bruno Pizzul.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà