Tra prosa, musica e canto: Verdi protagonista in “Cara Clarina”

12 Marzo 2013

“Cara Clarina” ha debuttato in “prima assoluta” ieri sera al Teatro Filodrammatici. L’evento, promosso dall’associazione “Le Verdissime”, in collaborazione con il Comune, ha lo scopo di raccogliere fondi da destinare al restauro degli organi dei “Teatini” e della Chiesa di Rivara S. Felice sul Panaro, danneggiata dal terremoto.

Lo spettacolo, realizzato in collaborazione con il Centro Teatrale di Reggio Emilia, con la regia di Mario D’Avino, è basato sul testo di Emanuele Aldrovandi. Tra prosa, musica e canto, “Cara Clarina” ripercorre le vicende che coinvolsero il compositore Verdi, nel pieno del fervore creativo, ma anche attivo nell’attività politica risorgimentale con gli amici del salotto di Clara Maffei.

Animano lo spettacolo Sara Fenoglio, come Clara Maffei, Ivano La Rosa come Giuseppe Verdi; Alessandro Mezzani fa il generale Radetzsky, comandante austriaco, Graziano Sorressi si presta nei panni del pittore di successo Francesco Hayez, Luca Cattani fa Tenca. La parte musicale è affidata al pianoforte di Fabrizio Cassi e all’arpa di Carla They. Al soprano Elena Rossi è dato il compito di interpretare arie da La Traviata, Aida, Il Trovatore, I Vespri Siciliani, Simon Boccanegra, come Giuseppina Strepponi, angelo custode del Compositore. Lo spettacolo sarà replicato a Correggio e Roccabianca.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà