Cortemaggiore commossa per l’ultimo saluto a Nicola Zaffignani

19 Marzo 2013

Una folla silenziosa e commossa ha accompagnato l’ultimo viaggio di Nicola Zaffignani, il ragazzo di 16 anni morto nell’incidente stradale che lo ha visto coinvolto a Cortemaggiore, il paese dove abitava e dove la sua famiglia gestisce un negozio. Amici, parenti, compagni di scuola e di squadra hanno affollato la chiesa del paese per il funerale dello sfortunato giovane, vittima dello schianto della sua vespa contro un’auto furgonata. “Non vorrei essere al vostro posto, cari familiari – ha detto il parroco, durante l’omelia funebre, don Luigi Ghidoni -. Cosa si può provare in un momento simile? A parlare oggi non sono io, non è il sacerdote né il concelebrante, siete voi. Quella di Nicola è una lezione che ci fa riflettere e voi la state portando avanti. Mi ha impressionato quando la nonna di Nicola ha chiesto perché il Signore non avesse preso la madre che ha 103 anni e invece si fosse portato via il nipotino che ne ha 16.  Noi non siamo qui per parlare ma per ascoltare ancora la sua voce, per meditare, per pregare”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà