Papa Francesco, il saluto dei piacentini
e del vescovo mons. Ambrosio

19 Marzo 2013

La messa di inizio pontificato di Papa Francesco è terminata. Accompagnato dal canto del “Te Deum” il pontefice è entrato in basilica per salutare i rappresentanti delle delegazioni arrivate a Roma per incontrarlo. In una piazza San Pietro gremita c’è anche una piccola ma significativa presenza piacentina. Prima di tutti il vescovo mons. Gianni Ambrosio da ieri a Roma per partecipare al Consiglio permanente della Conferenza episcopale italiana. Assieme agli altri prelati è in piazza San Pietro con i cardinali. Presenti, oltre a capi di Stato e sovrani di vari Paesi, anche il duca di Parma e Piacenza, Carlo Saverio di Borbone Parma, con la consorte duchessa Anne Marie. I duchi di Parma e Piacenza, che hanno preso posto nel settore delle Missioni Straordinarie riservato ai membri di governo e ai capi di Stato, sono arrivati a Roma dall’Olanda con il cugino re Guglielmo e la regina Maxima (che saranno incoronati il prossimo 30 aprile), e sono accompagnati in Vaticano dal piacentino Emilio Villa Castiglioni, rappresentante ufficiale del duca nei rapporti con le Istituzioni della Santa Sede e suo segretario particolare (recentemente insignito da Benedetto XVI dell’alto e prestigioso Ordine Pontificio di San Gregorio Magno).

Un comunicato di vicinanza al Santo Padre è stato inviato anche dall’Unione Giuristi Cattolici Italiani, con il presidente della sezione di Piacenza, Livio Podrecca. “Nel giorno in cui Papa Francesco intraprende solennemente il ministero petrino – scrivono – l’Unione locale di Piacenza dei Giuristi Cattolici Italiani partecipa alla gioia della Chiesa Universale che si stringe attorno al suo nuovo pastore”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà