Schiavi ai giovani giornalisti:
“L’esempio è Papa Francesco”

21 Marzo 2013

Intervenendo a Palazzo Gotico il vicedirettore del Corriere della Sera, il piacentino Giangiacomo Schiavi, ha portato la figura di Papa Francesco come esempio da seguire anche nel mondo del giornalismo: “Bisogna tornare “sulla strada” ad ascoltare i più umili e i più deboli come ha già dimostrato di fare il nuovo Papa”.
Sul momento politico attuale Schiavi non è apparso molto ottimista: “L’impasse di queste settimane si potrebbe risolvere con un governo di scopo che si concentri su alcuni punti come la nuova legge elettorale e il taglio dei costi. Nonostante il senso di responsabilità del presidente Napolitano e di alcuni protagonisti della politica ritengo però sia difficile poterlo realizzare”.

NOTIZIA DELLE 7 – Piacenza invasa stamattina da studenti e insegnanti provenienti da tutta Italia impegnati in una sessantina di redazioni di giornali delle scuole secondarie superiori.  Sono i protagonisti di un convegno a Palazzo Gotico dal titolo “Testate studentesche: la nostra storia, le nostre storie”. Ne sono promotori il C.I.D.I.S. (Centro di Informazione e Documentazione per l’Innovazione Scolastica e formativa), l’ Ufficio Scolastico Territoriale, la Consulta provinciale degli studenti e il Cis (Coordinamento interregionale della stampa studentesca). L’iniziativa è sponsorizzata dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano ed ha ricevuto il sostegno dall’Ufficio Scolastico Territoriale e dal Comune e dalla Provincia di Piacenza. Hanno contribuito anche Cariparma Crédit Agricole e Libertà. Piacenza è presente con centotrenta ragazzi e insegnanti in rappresentanza di diciassette redazioni.  Il programma prevede in  mattinata, nel salone di Palazzo Gotico, lo scambio di giornali e progetti e l’intervento di un illustre concittadino: Giangiacomo Schiavi, vicedirettore del Corriere della Sera. Un momento particolarmente significativo sarà costituito dal ricordo del prof. Giuseppe Mattei, recentemente scomparso, che con la sua personalità, straordinaria per l’ampiezza e profondità degli interessi e per la grande disponibilità, ha coordinato la partecipazione delle redazioni di Brescia. I lavori pomeridiani e il pranzo si svolgeranno presso l’Istituto industriale “G. Marconi”, dove si riuniranno dodici commissioni. Concluderà un’assemblea plenaria dedicata alle relazioni delle commissioni e all’approvazione del documento finale.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà