Scaricò foto pedopornografiche, piacentino patteggia sei mesi di reclusione

28 Marzo 2013

Patteggia sei mesi per avere scaricato da internet materiale pedopornografico. Secondo quanto stabilito dal Nucleo investigativo telematico nell’ambito di un’inchiesta a valenza nazionale coordinata dalla Procura di Siracusa, un piacentino avrebbe scaricato da un sito di condivisione di file materiale pornografico con minorenni. L’uomo è comparso ieri davanti al giudice Elena Stoppini, pubblico ministero era Giulio Massara. Il suo difensore è l’avvocato Ettore Maini, che ha chiesto e ottenuto il patteggiamento. In accordo con il pubblico ministero è stata definita una pena di sei mesi di reclusione e 800 euro di multa. Pena successivamente confermata dal giudice. Nell’ambito della vasta indagine erano state arrestate quattro persone e 53 indagate, erano state disposte perquisizioni in quindici regioni italiane. Tra le province interessate anche quella di Piacenza. I controlli erano stati eseguiti dal Nucleo investigativo telematico e al centro dell’inchiesta era finita la diffusione di foto pornografiche di bambini e bambine anche di tenera età. Le indagini erano state avviate dopo denunce di Telefono arcobaleno e si erano avvalse della collaborazione dell’Interpol.

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà