Grancasa chiude definitivamente il 1 maggio. Ipotesi di trasferimento a Fidenza

30 Marzo 2013

Grancasa di Alseno chiuderà il primo maggio, in occasione della Festa dei lavoratori, in una Piacenza che vede abbassarsi ogni giorno una saracinesca dietro l’altra. L’annuncio della chiusura è definitivo. “Inevitabile – commenta Francesca Benedetti (Cisl) – le perdite societarie non permettono una prosecuzione dell’attività, anche se sono stati messi in campo tutti gli ammortizzatori sociali possibili. Il meccanismo di mobilità retribuita darà garanzie ai 50 dipendenti nel tempo concordato (un anno per i lavoratori fino ai 39 anni di età, due anni per quelli fino ai 49 e tre anni per chi ha più di cinquant’anni) e cercheremo in tutti i modi di aiutare i dipendenti nella fase di ricollocamento. Fase che oggi è tutt’altro che facile”. L’azienda avrebbe anticipato alle categorie sindacali la possibile riapertura di un nuovo centro Grancasa a Fidenza, nel Parmense. “Nel caso di apertura, i lavoratori potrebbero essere riassorbiti – dice ancora la Benedetti – ma è un progetto ancora embrionale. Ora abbiamo lavorato alla costruzione di un paracadute per i lavoratori. Gli imprenditori hanno cercato fino all’ultimo di evitare la chiusura, ma gli sforzi non sono stati sufficienti”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà