Piacenza

Profughi, “Il dramma di non poterli aiutare”. Foti: “Non è emergenza”

5 aprile 2013

“Il Comune non ha più le risorse per aiutare i profughi del Nordafrica”. Oggi il tema è arrivato in commissione comunale: l’assessore Giovanna Palladini ha ricordato che, come stabilito dal patto di accoglienza dal febbraio 2011, sono stati stanziati fino a un mese fa circa 42 euro al giorno per ciascuno dei circa 120 profughi ospitati a Piacenza, alcuni dei quali per brevi periodi. Oggi risulta che una decina siano ancora in città, ma l’assessore ha affermato che non è possibile aiutarli: “È drammatico, ma non abbiamo le risorse, così come mancano per altri italiani e stranieri in difficoltà. Siamo riusciti a dare alloggio solo a coloro che avevano nuclei famigliari con minori a carico, in totale due famiglie”. Palladini ha aggiunto che 19 profughi hanno fatto richiesta di essere seguiti dal progetto Sprar, la rete centrale per i richiedenti asilo, che si sta muovendo per loro. Riguardo alla proposta del consigliere di Rifondazione Carlo Pallavicini di ospitare queste persone al mercato ortofrutticolo di via Colombo, l’assessore ha replicato spiegando che la struttura è fatiscente e andrebbe ristrutturata.

Non pensa si tratti più di emergenza invece il consigliere di Fratelli di Italia Tommaso Foti, secondo il quale i conflitti nei Paesi d’origine di queste persone si sono risolti da tempo.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE