Facoltà di medicina nell’ex ospedale militare, Foti: “Chiediamo atti concreti”

10 Aprile 2013

“Il tema dell’attivazione di un corso di laurea di Medicina e Chirurgia in città  risale a due anni fa ma finora non ci sono stati atti concreti e non se ne è più discusso”.  A parlare sono i rappresentanti piacentini di Fratelli d’Italia che chiedono, in due mozioni distinte, una rivolta al consiglio comunale e una al consiglio provinciale, che venga fatta chiarezza sulle reali intenzioni degli enti interessati alla realizzazione della Facoltà.
“Oggi sarà nominato il nuovo rettore e tra i candidati c’è anche il preside della Facoltà di medicina di Parma – ha spiegato Tommaso Foti – a questo punto è fondamentale accertare la volontà dell’università di attuare il corso a Piacenza e definire, con il Ministero della Difesa, la possibile cessione, da parte dello stesso Ministero, dell’ex ospedale militare, proposto come sede del corso di laurea in medicina”.
Proprio ieri il sindaco della città  Paolo Dosi, in visita all’ex area militare, ha parlato del “sogno” di destinare quella sede al servizio della cittadinanza (ad esempio il corso di medicina) ma ha anche aggiunto che l’ipotesi per ora non è realistica.

“Non bastano le parole o i programmi elettorali – ha precisato Foti – bisogna muoversi per capire quali siano le intenzioni e le possibilità”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà