Lavoro a Piacenza: meno infortuni ma più malattie professionali

23 Aprile 2013

Domenica si celebra la Giornata mondiale per la sicurezza e la salute sul lavoro e dalla nostra provincia emergono segnali contrastanti: calano gli incidenti sui luoghi di lavoro denunciati, ma aumentano le malattie professionali denunciate.
Nel 2011 (ultimi dati completi disponibili) sono stati 5.439 gli infortuni denunciati (di cui 4 mortali), pari ad una flessione del 7,4% rispetto al 2010, mentre dal punto di vista delle malattie professionali nel 2011 le denunce sono state 115, ovvero un +22,3% rispetto al 2010, dove se ne sono registrate 94.
Questi i dati elaborati da Senaf, a partire dalla banca dati statistica Inail.
Nella nostra provincia gli infortuni denunciati arrivano principalmente dai settori Industria e Servizi, i quali registrano un -7,1%, con 4.809 episodi nel 2011 contro i 5.178 del 2010. L’Agricoltura ha un -7,3%, con 480 episodi nel 2011 contro i 518 del 2010, i Dipendenti conto Stato -15,3%, con 150 episodi nel 2011 contro i 177 del 2010. Guardando alle malattie professionali, a Piacenza si registra un aumento significativo nell’Industria e Servizi con 95 denunce nel 2011 contro le 75 del 2010 pari ad un +26,7%, mentre nell’Agricoltura si assiste ad un leggero calo, con 15 denunce nel 2011 contro le 18 del 2010 (-16,7%). Crescita leggera anche per i Dipendenti conto Stato con 5 denunce nel 2011 una del 2010.

Da notare come il calo degli infortuni debba essere messo in collegamento con la crisi economica e delle imprese, che ha portato al licenziamento e alla cassa integrazione di molti dipendenti.

“Prendiamo come incoraggiante il dato di calo degli infortuni – afferma il presidente dell’Anmil, Bruno Galvani – ma non illudiamoci troppo, purtroppo il dato è ancora alto e la riduzione è legata alla mancanza di lavoro e alle persone che sono state lasciate a casa. A Piacenza c’è poi un dato sicuramente sottostimato per le malattie professionali, che in realtà sono senza dubbio di più”.

I DATI

© Copyright 2021 Editoriale Libertà