Liberazione: “I giovani e gli alpini per risollevare il Paese”

25 Aprile 2013

20130425-102927.jpg

In piazza Cavalli si svolgono le tradizionali cerimonie della festa della Liberazione con le autorità civili e militari. Nel cuore della città è infatti giunto il corteo partito sul Pubblico Passeggio. Mario Cravedi, presidente provinciale dell’Anpi, ha ricordato il coraggio dei partigiani piacentini, “gli eroi della Resistenza”, anche nel momento della morte. Il suo messaggio va ai giovani, invitati ad essere forti e agli alpini, di cui ha ricordato il valore in vista dell’adunata nazionale del 10-12 maggio. “La celebrazione di oggi ricorda uno dei momenti più vivi e intensi della storia del nostro Paese” ha dichiarato il presidente della Provincia Massimo Trespidi, che ha parlato di un tributo doveroso soprattutto in un momento così difficile dell’Italia: “Lo spirito deve essere quello di un rinnovato orgoglio nazionale.” Secondo Trespidi la parola liberazione è anche moderna: “Occorre – ha affermato – non essere indifferenti, ai giovani, che nella storia hanno dimostrato di sapere cos’è il sacrificio, bisogna accordare fiducia. La prima occasione per ritrovare fervore sarà l’adunata delle penne nere a Piacenza, una grande festa di popolo per riportare agli occhi di tutta l’Italia l’importanza della coesione.” Di incertezze individuali e collettive ha parlato anche il sindaco Paolo Dosi, che ha insistito sul bisogno di solidarietà: “Rievochiamo il coraggio dei padri di famiglia, delle donne, degli intellettuali, dei sacerdoti e dei partigiani.” Nel suo discorso Dosi ha espresso la necessità di risvegliare gli ideali di allora: “Questa piazza gremita è simbolo di incontro, amicizia ed unità.” Infine le testimonianze dei giovani studenti dei licei Gioia e Cassinari, di ritorno dal viaggio della memoria nel campo di Fossoli. “Tutti pensano alla Germania, ma noi siamo rimasti colpiti dalla vicinanza dei posti visitati, luoghi di tragedie che hanno insanguinato i popoli con una macchina bellica feroce e folle.”

FESTA DELLA LIBERAZIONE: GLI APPUNTAMENTI DI OGGI – Giungono al culmine oggi, gli eventi in programma per celebrare il 68° anniversario della Liberazione d’Italia. Alle 9.45, sul Pubblico Passeggio, con l’accompagnamento musicale della Banda Ponchielli, il raduno dei partecipanti al tradizionale corteo che partirà alle 10 lungo corso Vittorio Emanuele, prevedendo una prima sosta all’altezza dello stradone Farnese per la deposizione della corona d’alloro al monumento ai Caduti della Resistenza.
Alle 10.30, con l’arrivo in piazza Cavalli, alla deposizione delle corone d’alloro presso il Sacrario dei Caduti sotto i portici di Palazzo Gotico, seguiranno i discorsi istituzionali del sindaco Paolo Dosi, del presidente della Provincia Massimo Trespidi e del presidente provinciale Anpi Mario Cravedi. Sono previsti, inoltre, gli interventi di due studenti che hanno preso parte al viaggio della memoria a Fossoli: Mattia Raggio per il liceo Gioia ed Edoardo Pivoni per il liceo Cassinari. Sul palco saranno chiamati a presenziare, accanto ai rappresentanti delle istituzioni e allo stesso Mario Cravedi, alcuni partigiani: Agostino Covati, Ettore Carrà, Gaetano Cella, Renato Cravedi, Giulio Donazzi, Nando Franchini, Ugo Magnaschi, Simone Pancera, Bruno Pancini, Franco Piva, Aldo Prati, Angelo Scacchi e Igino Sordi.
Alle 11, nella basilica di San Francesco, verrà celebrata la tradizionale cerimonia religiosa.
Con inizio alle 11.30, piazza Cavalli verrà animata dall’evento “100 chitarre 1000 voci per la Resistenza”, happening-concerto collettivo aperto a tutti i cittadini che, con il loro strumento musicale e la loro voce, vorranno cantare gli ideali della Resistenza. Dalle ore 17, in piazzetta delle Grida si terranno i laboratori creativi per bambini “Colori e parole per raccontare e ricordare“, mentre alle 18.30 l’appuntamento sarà con l’aperitivo popolare con Marco Sutti featuring Tuzin from D.L.Bopre. La giornata terminerà alle 21.30 in Piazza Cavalli con il concerto della band romagnola Nobraino, formazione folk-rock tra le più apprezzate nel panorama musicale italiano, conosciuta per i suoi live adrenalinici e fuori dagli schemi.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà