Ponte del 25 aprile: c’è crisi ma i piacentini partono. Code e incidenti in A1

25 Aprile 2013

Nonostante la crisi i piacentini non rinunciano alle proprie vacanze. I viaggi sono più brevi anche solo in giornata o per pochi giorni ma guai a lasciarsi scappare l’occasione di staccare la spina e godersi un pò di meritato relax lontano da tutto anche e soprattutto dai pensieri negativi. La conferma arriva da Nicol Rossi, una delle responsabili dell’agenzia Viaggi dello Zodiaco di Piacenza: “Le mete più gettonate sono le capitali europee – ha sottolineato – al primo posto troviamo Barcellona seguita da Londra, Amsterdam e Praga. I costi si aggirano intorno ai 350 euro a testa. Per chi resta in Italia il mare rimane la scelta privilegiata. Oggi le gite fuori porta hanno potuto contare su sole e temperature miti ma già da domani il tempo dovrebbe cambiare e andare incontro a un peggioramento. Sabato sono previste precipitazioni anche moderate soprattutto al Nord. Tornando ai viaggi, a risentire di più della crisi sono sicuramente quelli di lunga durata – ha spiegato Nicol Rossi – “I mesi più cari per gli spostamenti sono luglio e agosto, i prezzi in questa stagione sono piuttosto alti”. Che i piacentini non siano rimasti a casa lo dimostrano anche le lunghe code in autostrada che si sono formate a partire da questa mattina. Come al solito l’A1 è stata la più trafficata, quella dove si sono registrati disagi e rallentamenti anche a causa di un tamponamento a catena che si è verificato all’altezza di Fiorenzuola. Fortunatamente gli occupanti dei mezzi coinvolti hanno riportato ferite lievi. Le cose dovrebbero migliorare nelle prossime ore ma per domenica sera è previsto il bollino rosso per il rientro.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà