Fondi per le frane, intervengono Foti e Polledri

27 Aprile 2013

“Dopo l’ultimo scaricabarile sulle spalle della nostra gente da parte del Governo Monti, il nuovo Governo deve immediatamente deliberare lo stato d’emergenza nelle zone più colpite dalle frane; così richiesto dalla Regione Emilia-Romagna “ lo afferma l’ex deputato piacentino Tommaso Foti di Fratelli d’Italia. “Infatti, il 17 aprile scorso, in una nota ufficiale, il Ministro Clini aveva richiesto al suo collega Grilli di autorizzare un finanziamento straordinario all’Emilia-Romagna. Poi – continua l’esponente di Fratelli d’Italia – come sempre il nulla. Sta ora al neo Ministro dell’Ambiente Orlando di battere un colpo e di reperire immediatamente le risorse economiche necessarie ad affrontare una situazione d’emergenza oltremodo grave”. « Non vi sono adesso più alibi, né giustificazioni – conclude Foti – per intervenire con l’urgenza che la situazione richiede. Lasciare i territori abbandonati a se stessi non solo aumenta il distacco dei cittadini dalla politica, ma è da irresponsabili. Se il nuovo Governo vuole davvero fare qualcosa di utile per l’Italia, mostri sensibilità e solidarietà concreta ai territori colpiti dalle frane». Sul caso è intervenuto anche il consigliere comunale della Lega Nord Massimo Polledri: «Nonostante tutte le rassicurazioni di rito del Governo tecnico, e del Ministro Clini in particolare, il nostro territorio è rimasto ai margini della considerazione. Evidentemente 120 milioni di euro di danni causati dalle frane non sono considerati una urgenza. E allora cosa è urgente? Penso che un posticino per noi nel decreto legge recentemente approvato si doveva trovare. Con un assessore, tre consiglieri regionali, il segretario dimissionario del partito di maggioranza relativa ed un altro esponente dello stesso partito, quest’ultimo particolarmente impegnato in comparsate televisive, siamo rimasti col cerino in mano».

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà