Al via a Sant’Antonio il Cuncertass tra musica, cibo arte e impegno

30 Aprile 2013

Vincenzo Colla, segretario generale regionale della Cgil, torna da Roma a Piacenza alla vigilia del Primo Maggio, una delle feste dei lavoratori più “nere” dopo la grande crisi che dal 2009 ha messo in ginocchio il sistema produttivo piacentino. Ad intervistare il segretario, in occasione della ottava edizione del Cuncertass alla cooperativa Sant’Antonio, Paola Romanini, vicecaporedattore di Libertà. Le tre segreterie all’esame dei direttivi di Cgil, Cisl e Uil si sono riunite oggi insieme dopo cinque anni di divisione. All’ordine del giorno anche l’accordo sulla rappresentanza e certificazione degli iscritti e una piattaforma di richieste al nuovo governo guidato da Enrico Letta. “C’è un governo, a quel governo non facciamo sconti – ha detto Colla -, usciamo da questa crisi se c’è un investimento nella democrazia,abbiamo bisogno di ricostruire dalla democrazia. Chiediamo una nuova politica, quella dell’austerity ha perso. Sul tema evasione fiscale è ora di dire che chi evade deve essere perseguito penalmente, altrimenti è a rischio la coesione sociale. L’impresa che assume a tempo indeterminato deve poter avere alcune agevolazioni fiscali”. E sui precari. “Abbiamo un milione di persone fuori dai contratti di lavoro, esplodono partite Iva fasulle, si toglie il respiro ai giovani, tutto questo si trasforma in rabbia – ha concluso Colla -. Si devono far entrare nella legalità i giovani oggi trattati come pezze da piedi: si sta minando la tenuta del sistema, lo ribadisco. Basta raccontare la crisi, la gente vuole soluzioni”.

LA NOTIZIA
Il Cuncertass del 1º maggio si sdoppia e diventa sempre più trasversale. È partito infatti questo pomeriggio l’evento organizzato dai Giovani Democratici alla cooperativa Sant’Antonio in via Emilia Pavese. Non solo musica, quindi, ma anche incontri, mostre fotografiche, bancarelle, contest letterari e specialità enogastronomiche per celebrare tra divertimento e impegno la festa dei lavoratori. Questa sera, dopo il dibattito su crisi occupazionale e sociale, coordinato da Paola Romanini, caporedattore di Libertà, e Vincenzo Colla segretario regionale Cgil, si alterneranno sul palco cinque band che intratteneranno gli ospiti con musica rock, elettro-swing e easy-jazz. Domani alle 15.30 si entrerà nel vivo col vero e proprio Cuncertass che vedrà ben otto gruppi darsi il cambio sulla scena sempre più alternativa e interattiva della manifestazione più “cool” del primo maggio.

20130430-201606.jpg

© Copyright 2021 Editoriale Libertà