Adunata alpini: 60 operai-volontari al lavoro per l’allestimento dei campi

01 Maggio 2013

Dalle 6 del mattino alle 7 di sera. E’ un tour de force quello degli operai volontari che stanno allestendo i campi e gli alloggi collettivi che ospiteranno gli alpini in occasione dell’Adunata in programma dal 10 al 12 maggio. La particolarità è che si tratta di un’attività di volontariato svolta da una sessantina di professionisti. L’allestimento, iniziato il 25 aprile, dovrebbe terminare mercoledì 8 maggio, e non si fermerà nemmeno nella giornata di oggi, festa del Lavoro. L’associazione A2A è esperta non solo negli allestimenti delle adunate ma anche negli interventi per le emergenze nazionali e mondiali. «Nel 1976, la vecchia Aem, l’azienda municipalizzata di Milano – spiega l’ingegnere Luigi Bossi presidente dell’associazione A2A – aveva chiesto ai dipendenti se c’era qualcuno che voleva andare in Friuli a dare una mano per il terremoto. Di ritorno da quell’esperienza si è deciso di mantenere il gruppo, perchè sono professionalità difficili da trovare sul territorio». L’Aem ha poi aggiunto alle sue competenze il gas diventando azienda energetica. Quattro anni fa è diventata A2A dall’unificazione tra Aem Milano e Asm Brescia. Ognuna di queste società ha portato in dote altre professionalità.  A Piacenza i super volontari installeranno in totale 630 servizi igienici nei campi tendati, 110 lavelli da dieci cannelle l’uno, 1.100 punti acqua, quasi tre chilometri di tubi per l’alimentazione dell’acqua, venti chilometri di cavi elettrici, trenta pali e cento proiettori per l’illuminazione pubblica.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà