Più di cento agricoltori pronti a prendersi cura del territorio

07 Maggio 2013

Sono centoundici le aziende agricole, custodi della montagna, pronte ad effettuare massicci interventi di manutenzione delle strade comunali, taglio alberi, potatura, sgombero neve. Azioni semplici, ma oggi diventate fondamentali per prevenire il dissesto idrogeologico. “Siamo arrivati all’atto finale del progetto “Adotta la terra” – ha detto il presidente della Provincia, Massimo Trespidi, questa mattina alla firma del patto che ha dato il via ai lavori -. Siamo contenti del risultato raggiunto, con 111 aziende aderenti all’albo. Abbiamo voluto segnare un punto di partenza, ci aspettiamo che nei prossimi anni a questa buona volontà dimostrata dalla Provincia, con 250mila euro, possano aggiungersi le buone volontà di altri soggetti”. I Comuni coinvolti sono Bobbio, Travo, Coli, Ferriere, Farini, Bettola, Pecorara, Morfasso. Le criticità idrogeologiche sono tra le problematiche più urgenti del Piacentino: la protezione civile dell’Emilia-Romagna ha diramato un prolungamento dell’allerta per frane fino al 16 maggio.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà