Alpini multati sul bus, “Non era mai capitato”. La replica: “Sono le regole”

09 Maggio 2013

Continua l’ondata di multe e questa volta a farne le spese sono stati gli alpini di Torino, accampati a Mortizza, ai quali è stata elevata una sanzione di 60 euro per non aver obliterato il biglietto sull’autobus di linea. “Non ci era mai capitato prima, noi lo avremmo timbrato volentieri, ma ci era stato detto che avremmo potuto viaggiare gratis – commenta Giorgio Bianco, l’alpino multato -. Bastava che ci dicessero che eravamo in errore, avremmo timbrato subito il biglietto. Perchè multarci con 60 euro?”.

Sull’ondata di multe, in particolare sul caso dell’Apecar non omologato sequestrato agli alpini di Bologna, il presidente del comitato organizzatore Nino Geronazzo, chiede che sia applicata la linea dura. “Capisco la disinformazione di alcuni alpini – ha detto -, un caso che può essersi verificato ad esempio per quanto riguarda le multe sul bus. Ma chiedo tolleranza zero nei confronti dei trabiccoli: noi li chiamiamo così volutamente, in modo dispregiativo. A Bolzano uno di questi si è rovesciato e quattro persone sono finite all’ospedale. Non possiamo permetterlo”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà