Elezioni: certificazioni per l’accompagnamento al voto degli elettori fisicamente impediti

14 Maggio 2013

Nell’imminenza delle elezioni amministrative del 26 e 27 maggio, che riguarderanno i Comuni di Castelvetro e Ferriere, l’unità operativa Medicina legale dell’Azienda Usl di Piacenza (dipartimento della Sicurezza) comunica che è possibile ottenere le certificazioni per l’accompagnamento al voto degli elettori fisicamente impediti. Gli aventi diritto possono rivolgersi, con accesso diretto, nelle sedi più prossime ai Comuni dove si vota oppure, nel caso di Ferriere, della medesima vallata:
– a Vigolzone (dr. Magnani) dalle ore 9 alle 12 di lunedì 20 maggio nell’ambulatorio di piazza Serena 5 (tel.0523.872745)

– a Monticelli (dr. Chieregatti) dalle ore 10.30 alle ore 12.30 di martedì 21 maggio in via Marconi 3 (tel.0523.815914)

– a Podenzano (dr. Ponti) dalle ore 9.30 alle 12 di martedì 21 maggio nell’ambulatorio di via Montegrappa 48 (tel.0523.559885)

– a Villanova (dr. Malvicini) dalle 17.30 alle 19 di mercoledì 22 maggio in via Salvo d’Acquisto 1

– a Villanova (dr. Malvicini) dalle 17.30 alle 19 di giovedì 23 maggio in via Salvo d’Acquisto 1

– a Cortemaggiore (dr. Malvicini) dalle 10 alle 12 di venerdì 24 maggio alla Casa della Salute di via Libertà (tel. 0523.832842)

– a Villanova (dr. Malvicini) dalle 16 alle 17 di venerdì 24 maggio in via Salvo d’Acquisto 1

– a Bettola (dr. Magnani) dalle 9 alle 12.30 di lunedì 27 maggio all’ambulatorio di viale Europa 1 (tel. 0523. 954408 – 954418 – 954400)

 

Coloro che richiedono il certificato di accompagnamento al voto dovranno essere inderogabilmente provvisti di:

– tessera elettorale
– documento di riconoscimento
– eventuale documentazione clinica relativa all’infermità

 

Per evitare contestazioni si ricorda che, ai sensi della vigente normativa:

– hanno diritto di farsi assistere durante la votazione solamente coloro che per infermità non sono in grado di votare di persona (nel senso che non sono in grado di tracciare la croce sul simbolo elettorale);
– non ne hanno invece diritto coloro che sono affetti da infermità di ordine psichico, i soggetti affetti da demenza, i soggetti con sindrome di Down, ecc… (tutti costoro sono da ritenersi, ove non sussistano anche le infermità fisiche di cui al precedente paragrafo, fisicamente idonei ad esprimere il voto di persona);

– gli invalidi civili non ne hanno diritto per il solo fatto che godono dell’indennità di accompagnamento, ben diverso essendo il concetto di accompagnamento al seggio da quello di assistenza durante l’espressione del voto. I ciechi civili non devono presentare il certificato medico. Per i ciechi civili è sufficiente l’esibizione del libretto nominativo di pensione nel quale sia indicata la categoria di “cieco civile”.

Infine si ricorda che in base alla legge 17 del 5 febbraio 2003, gli elettori con impedimenti giudicati permanenti possono, con il certificato medico legale che li autorizza a farsi assistere da un accompagnatore nella cabina elettorale, chiedere, con apposita istanza da presentare al Comune presso le cui liste elettorali sono iscritti, di far annotare sulla tessera elettorale il diritto permanente al voto assistito.

 

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà