‘Non ho preso io quelle multe’. Ex marito accusato di truffa e falso

14 Maggio 2013

“Quelle multe non le ho prese io, l’auto raffigurata nelle foto della polizia municipale è solo simile alla mia”. A parlare ieri davanti al giudice Elena Stoppini l’ex moglie di un 35enne di Lugagnano a processo per truffa e falso. Secondo l’accusa, il marito nell’ambito della burrascosa causa di separazione con la donna, si sarebbe fatto prestare da un amico un’Opel Corsa simile a quella della sua ex, avrebbe sostituito le targhe e con la vettura sarebbe più volte passato davanti agli autovelox piazzati tra Fiorenzuola e Castellarquato superando i limiti di velocità. Risultato? Tre pesanti multe per la donna. L’ex marito, difeso dall’avvocato Vittorio Antonini, deve rispondere anche dell’errore in cui è caduta la pubblica amministrazione che ha inviato le multe. L’ex moglie si è costitutita parte civile nel processo con l’avvocato Romina Cini di Parma. Come è stato riferito in aula la donna si è rivolta ai carabinieri anche in altre occasioni e ha segnalato danni subìti che sarebbero da attribuire a comportamenti dell’ex marito.

20130514-002006.jpg

© Copyright 2021 Editoriale Libertà