Acquistano arredi per bar e poi spariscono. Denunciati marito e moglie

17 Maggio 2013

Acquistava arredamenti per bar, lasciava un anticipo ma non saldava mai il conto totale. Ha agito così per due volte nel giro di un anno ma il raggiro è stato scoperto dai carabinieri che hanno denunciato un 32enne messinese residente a Piacenza e la moglie, 35enne calabrese, per appropriazione indebita e insolvenza fraudolenta e truffa in concorso. Le indagini sono iniziate con la denuncia sporta dal 58enne, titolare di una ditta di arredi per negozi dopo che il 32enne aveva acquistato l’arredamento per un bar ed aveva versato 4mila euro ma non si era più presentato per pagare la parte restante di 19mila euro. Dopo la denuncia è emerso un altro episodio che ha avuto come protagonista il giovane messinese. L’uomo, insieme alla moglie, aveva acquistato la licenza di un bar e l’attrezzatura del locale per un valore di 46mila euro ma dopo aver versato mille euro di anticipo si era appropriato del materiale e non aveva più pagato il resto della somma.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà