Giornata della tiroide: invito a utilizzare sale con iodio

23 Maggio 2013

La dr.ssa Daniela Pancotti, responsabile dell’unità semplice di Endocrinologia dell’Ausl di Piacenza

Ricorre oggi la Giornata mondiale della tiroide: l’evento si celebra con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica e il mondo scientifico sui crescenti problemi legati alle patologie a essa correlate, con particolare riguardo all’azione preventiva della iodo-profilassi. La tiroide è una ghiandola endocrina preposta alla sintesi e alla secrezione degli ormoni tiroxina (T4) e triodotironina (T3), che svolgono un ruolo centrale nello sviluppo nervoso e scheletrico del feto e del bambino. Nell’adulto hanno importanti effetti sulla regolazione del metabolismo basale, sull’apparato cardiovascolare, sul metabolismo lipidico e glicidico e sul metabolismo osseo.

“Le malattie della tiroide – spiega Daniela Pancotti, responsabile dell’Endocrinologia dell’Ausl di Piacenza – sono di frequente riscontro nella popolazione generale, con una forte predilezione per il genere femminile, possono essere interessate tutte le età, compresa l’età fetale e neonatale”. La causa più frequente nella popolazione mondiale è la carenza alimentare di iodio che si manifesta con un aumento di volume della tiroide (“gozzo”). “La più efficace prevenzione del gozzo e dei noduli tiroidei – chiarisce la specialista – è la iodo-profilassi, facilmente attuabile mediante l’uso di sale fortificato con iodio, ovunque ampiamente disponibile”.

A Piacenza è ormai consolidata l’attività del centro di riferimento provinciale: l’ambulatorio di Endocrinologia (che fa capo alla Medicina Eri diretta da Davide Imberti) offre alla cittadinanza un servizio già strutturato, con vie preferenziali per i casi urgenti.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà