I sinti rilanciano: “Basta campi sosta, vogliamo le case popolari”

23 Maggio 2013

20130523-213309.jpg

Il sindaco Paolo Dosi e l’assessore Giovanna Palladini hanno fatto visita stasera al convegno religioso che i sinti del nord Italia stanno tenendo in un maxi-piazzale al polo logistico. Per i nomadi piacentini è stata l’occasione per rilanciare un tema su cui insistono da tempo: “Crediamo sia giunto il momento di fare un importante passo in avanti per la nostra integrazione – ha detto Salvatore Occhipinti, uno dei rappresentanti dei sinti piacentini – chiudendo con l’esperienza dei campi sosta e iniziando a ragionare sulla assegnazione anche a noi delle case popolari. Oltre a ciò, serve un progetto per l’effettivo inserimento scolastico dei nostri bambini. Il tutto seguendo in percorso concordato con le istituzioni, in primis il Comune”.
Dosi non ha chiuso le porte alle istanze dei nomadi, precisando però che le azioni “si devono inserire in un più ampio percorso che riguarda la loro integrazione e che non è breve. Ma se c’è la volontà reciproca si può costituire assieme”.
La serata si è svolta tra preghiere e musica sotto il tendone blu montato dall’organizzazione, meta quotidiana di centinaia di sinti.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà