Piccoli scout crescono. Premiate le classi vincitrici del concorso “Basi aperte”

27 Maggio 2013

Gli scout piacentini da ormai sedici anni propongono agli studenti di trascorrere una giornata dedicata alla scoperta dell’ambiente. Il tutto secondo il metodo educativo scout che si basa sul gioco, sull’avventura, sull’ “imparare facendo”.  L’iniziativa “Basi aperte” promossa d’intesa con il Ministero dell’Istruzione ha visto quest’anno la partecipazione di circa ottocento ragazzi delle scuole primarie e delle secondarie del piacentino: il viaggio nella natura è iniziato a marzo, con la novità di una giornata dedicata alla corretta alimentazione e ai cibi piacentini, e si è conclusa nei giorni scorsi con un’escursione alla scoperta della storia del nostro Appennino. Al termine dell’esperienza, ai ragazzi è stato proposto di partecipare a un concorso per rielaborare le nozioni e le tecniche apprese, tenendo vive le emozioni provate affrontando l’avventura alla base scout di Spettine, in Valnure.
Ecco i premiati di primarie e secondarie, stamattina nella sede del Politecnico di via Scalabrini: premio speciale alla IV A della scuola primaria di Sant’Antonio; primo premio alla V A e alla V B della scuola primaria di Gossolengo; secondo premio alle classi V della primaria di Quarto; primo premio alla I E della scuola secondaria Faustini Frank Nicolini sede Mazzini; secondo premio alla II A della scuola Dante Carducci.  Presenti l’assessore comunale Luigi Rabuffi, la vicepreside dell’istituto comprensivo di Rivergaro Maria Pia Baldi, e la dirigente scolastica Mariuccia Zavattoni.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà