Biciclette marchiate e schedate contro i furti, nuovo apparecchio per il Comune

29 Maggio 2013

Il sistema di marchiatura delle biciclette “affittato” dal Comune di Piacenza

Biciclette marchiate e schedate contro i furti. E’ l’idea del Comune di Piacenza, che ha noleggiato per un anno da una ditta di Padova un macchinario per contrassegnare il telaio delle due ruote: questo apparecchio è in grado di imprimere in modo indelebile un codice sulla bici, cioè di marcarla. Per evidenziare e far risaltare la marcatura e incrementare la sicurezza si applica anche una particolare e resistente etichetta. In genere la marcatura consiste nella punzonatura del codice fiscale del proprietario sul telaio, affiancando poi un’etichetta irremovibile con un logo. Tre gli effetti desiderati: disincentivare i furti delle biciclette “schedate”, poter risalire immediatamente al proprietario in caso di ritrovamento e dirimere immediatamente le controversie che nascono in caso di due ruote “contesa”.

La ditta che fornisce l’apparecchiatura è la So.Ge System di Padova, il costo per il noleggio annuale è di circa 10mila euro e l’incarico per punzonare le bici è stato affidato all’Orto Botanico, la coop che gestisce il deposito della stazione, dove il macchinario sarà installato in questi giorni. La possibilità di marchiare la propria bicicletta sarà data a tutti gli interessati, il costo dovrebbe aggirarsi attorno a 1-2 euro. Il Comune ha deciso per la fornitura di un sistema di marcatura delle biciclette “allo scopo di creare un deterrente al gravoso problema legato al furto delle biciclette sul territorio comunale”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà