Due cinesi condannati per sfruttamento della prostituzione

04 Giugno 2013


Due condanne a 6 e 4 anni e tre assoluzioni. E’ la conclusione del processo a cinque cittadini cinesi accusati a vario titolo di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione per aver aperto case di appuntamento in via Roma e via Colombo. I cinque sono però al momento irreperibili. Ventimila euro al mese. Tanto avrebbe fruttato l’attività di sfruttamento della prostituzione che sarebbe stata messa in piedi. I cinque erano stati individuati grazie ad un’inchiesta della seconda sezione della squadra mobile di Piacenza.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà