Ambiente: dalla Regione 600.000 euro per progetti di tutela

7 giugno 2013

Va nella direzione di favorire la tutela dell’ambiente la delibera approvata dalla Giunta regionale dell’Emilia Romagna, su proposta dell’assessore piacentina Sabrina Freda, riguardante le azioni integrate per la promozione e la valorizzazione della sostenibilità locale. In base a quanto previsto dal Piano di Azione Ambientale 2011/2013, la Regione metterà a disposizione 600.000 euro per le comunità locali che proporranno azioni e interventi di tutela dell’ambiente, in particolare per quanto riguarda la promozione e la valorizzazione della biodiversità, il miglioramento della qualità dell’aria, la prevenzione e la riduzione dei rifiuti, il miglioramento della qualità delle acque e la riqualificazione urbana. L’iniziativa considera quale elemento qualificante l’integrazione virtuosa fra le diverse matrici ambientali. “Si tratta – dichiara l’assessore Freda – di concedere alle amministrazioni locali un facile accesso a un sostegno economico: servirà a mettere in pratica tutti quegli interventi quotidiani che non trovano spazio nei grandi canali di finanziamento ma che sono comunque necessari e importanti per la tutela dell’ambiente”. Due le linee d’azione previste: la prima si rivolge ai Comuni e prevede il finanziamento di progetti per interventi sulle infrastrutture – nuove, di completamento o di manutenzione straordinaria – a supporto delle politiche di sostenibilità, per i quali sarà destinata la somma complessiva di 500.000 euro, mentre la seconda mette a disposizione 100.000 euro per le associazioni e le istituzioni senza fini di lucro che supportano politiche sostenibili anche con semplici azioni di carattere comunicativo, dimostrativo, di tutela e promozione della qualità ambientale. Entrambe prevedono una percentuale di contributi al 100% della spesa che sarà considerata ammissibile. Per la prima linea d’azione è previsto un contributo massimo di 25.000 euro, mentre per la seconda è previsto un tetto massimo di 10.000 euro. Le proposte di candidatura devono essere firmate digitalmente e devono pervenire entro il 31 dicembre 2014, sino a esaurimento delle risorse, al seguente indirizzo: [email protected]

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca

NOTIZIE CORRELATE