Gino, l’alpino bresciano salvato all’Adunata ha invitato a cena i suoi “angeli”

18 Giugno 2013

20130618-222322.jpg

Gino Benedetti, l’alpino bresciano colpito da arresto cardiaco e salvato durante l’Adunata di Piacenza, non ha dimenticato i suoi “angeli” e questa sera presso la sede degli alpini di Roncadelle di Brescia ha organizzato una cena per dire “grazie” ai suoi salvatori. Erano presenti, tra gli altri, la responsabile di Progetto Vita Daniela Aschieri e il presidente provinciale degli alpini Bruno Plucani.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà