Patto Cattolica-Consorzio Piacenza Alimentare: nasce il primo “polo di studi” dell’agroindustria

24 Giugno 2013

Sicurezza, innovazione e sostenibilitĂ . Sono queste le tre parole chiave alla base del nuovo patto tra Consorzio Piacenza Alimentare e UniversitĂ  Cattolica, avviato oggi pomeriggio alla presenza di ricercatori e studiosi nella sede dell’Arp. L’obiettivo dell’incontro (oggi con la facoltĂ  di Agraria, l’11 luglio con quella di Economia) è quello di dare vita a un vero e proprio “polo di studio” capace di studiare le problematiche con cui si trovano a convivere oggi le aziende, accentuate dai tempi di crisi. Nuovi mercati, come quello giapponese che dimostra di apprezzare in particolare i vini e i salumi, nuovi prodotti (tra le innovazioni riconosciute anche dal Cibus di Parma, la salsa di pomodoro con olio realizzato dagli stessi semi del pomodoro o il ketchup con aceto ricavato dal pomodoro stesso, “oro rosso” di Piacenza) e tecnologie innovative, capaci ad esempio di concretizzare un “distretto” sempre piĂą accattivante ed efficace, ad esempio procedendo nella strada studiata fino ad oggi del connubio tra vini e salumi piacentini, a conferma di un territorio di sapori, produttori di qualitĂ  e veicolo anticrisi: il settore agroalimentare è infatti uno dei pochissimi ad aver retto indenne all’impatto con un trend economico generalmente sfavorevole, come sottolineato dal presidente del Consorzio, Sante Ludovico.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà