L’assessore Romersi a Firenze al convegno “Una fase difficile per la finanza locale”

25 Giugno 2013

Pierangelo Romersi

Anche l’assessore al Bilancio Pierangelo Romersi sarà a Firenze domani, mercoledì 26 giugno, presso il Salone dei 200 di Palazzo Vecchio, per partecipare al convegno, promosso dall’Anci Toscana, dal titolo “Una fase difficile per la finanza locale”, in cui si discuterà della situazione economico-finanziaria che i Comuni italiani stanno vivendo. L’incontro, presieduto dall’assessore al Bilancio del Comune di Firenze, Alessandro Petretto, sarà animato dagli interventi di sindaci e assessori dei vari Comuni italiani. Tanti i temi che saranno affrontati nel corso della giornata: dall’armonizzazione dei bilanci degli enti territoriali alla possibile introduzione di un sistema di contabilità economica, dalle società inhouse all’ipotesi di un Patto di stabilità interno eurocompatibile.

“L’approvazione del bilancio 2013 – commenta l’assessore – è avvenuta in un contesto di incognite mai così rilevanti per gli enti locali. Dal punto di vista normativo, da quello delle gestione delle entrate ed anche per la crisi economica che non sembra dare tregua. La lettura dei bilanci comunali – sottolinea Romersi – cambia rispetto al passato, nel senso che non è più sufficiente vedere quante risorse sono inserite a bilancio e come queste vengono spese, valutandone i risultati, ma è anche indispensabile leggere la capacità di tenere in ordine i conti in questa fase delicata, di garantire i servizi e la loro qualità e soprattutto capire il nuovo ruolo di protagonismo del Comune, come erogatore di servizi essenziali, coordinatore delle politiche e delle altre istituzioni, ma sempre meno come erogatore di finanziamenti diretti”.

Aggiunge l’assessore: “Questi elementi sono stati compresi dai consiglieri, sia di maggioranza che di minoranza, nel corso della discussione, pur dandone letture diverse sulla capacità di interpretare una visione strategica da parte della Giunta. In realtà in questo bilancio si ottiene molto con il poco a disposizione. Si realizzano alcune linee di mandato, e quindi si innova, si parte con il piano di razionalizzazione che permette di rendere ancora più efficiente la macchina comunale”.

Prosegue Romersi: “La vera sfida è quella di sapersi muovere nelle cose che gli stanziamenti non dicono, ovvero in tutta quella mole di lavoro istituzionale, di relazioni, contatti, ricerca di finanziamento, progetti e piani di azione, che non hanno una contropartita diretta in bilancio, ma che sono attività strategiche per il futuro della nostra città e per i futuri bilanci. Lo ricordava il sindaco Dosi – conclude l’assessore al bilancio – nella sua dichiarazione di voto, riferendosi in particolare all’Expo 2015, alle sfide sull’ambiente, i rifiuti e l’acqua, alla conferenza sociosanitaria, confermando il suo impegno per garantire a Piacenza un ruolo da protagonista”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà