Passa anche da Piacenza il traffico di armi per l’Iran

03 Luglio 2013

20130703-003243.jpg

C’è anche Piacenza tra le città coinvolte in un traffico internazionale di armi dirette in Iran. La procura di Milano ha chiuso le indagini che hanno interessato nove persone, l’accusa è di associazione per delinquere finalizzata al traffico di materiali di armamento “dual use”, e cioè destinati sia ad uso civile che militare. L’inchiesta, partita tre anni fa, ha coinvolto anche un giornalista della tv di Stato iraniana. L’”illegale esportazione” in Iran, come si legge nel capo di imputazione, sarebbe avvenuta attraverso giro di “triangolazioni internazionali”, tra Milano, le province di Monza, Brescia, Varese, Piacenza, Ginevra, Bucarest, Londra e Dubai (da dove partivano le spedizioni per l’Iran), in modo da aggirare l’embargo per la vendita di armi a Teheran.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà