Via Bixio, sporcizia e pericoli negli immobili occupati abusivamente

05 Luglio 2013

20130705-170411.jpg

Hanno i letti, i quadri, i pupazzi, i televisori, le parabole, le auto parcheggiate nel cortile e anche un cane di piccola taglia. In un edificio abbiamo trovato due persone, un uomo e una donna, in quello accanto un’altra coppia. Sono stati proprio loro a riferirci che qui vivono due famiglie con bambini e che in totale sono in 12. Provengono tutti dalla Romania, occupano abusivamente due immobili di via Bixio al civico 10. Alla vista delle telecamere di Telelibertà ci hanno permesso di entrare negli spazi che hanno trasformato in abitazioni. “Ci hanno detto che possiamo stare qui” hanno riferito non prestandosi però a dichiarazioni ai nostri microfoni. La versione della proprietà è tutt’altra: già in passato l’area era stata oggetto di sgombero e di chiusura con i sigilli. Uno sfratto durato a quanto pare molto poco: i lucchetti sono stati forzati e i palazzi sono tornati a fungere da abitazioni di queste persone. Antonio Turturro, immobiliarista di Rimini e amministratore della società Elettra Due che ha acquisito gli immobili piacentini in riva al Po dice di aver chiesto un nuovo sgombero da parte delle forze dell’ordine a più riprese. Proprio oggi ha segnalato la situazione anche alla Prefettura: oltre a voler avviare progetti come la realizzazione di appartamenti, teme la pericolosità legata all’incuria di questi palazzi, soprattutto in presenza di bambini.
La questura, per voce del capo di gabinetto Stefano Vernelli, fa sapere di stare valutando la situazione, anche sulla base di un recente sopralluogo eseguito dalla polizia municipale.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà