Domiciliari agli agenti arrestati, udienza a Bologna per il ricorso della Procura

12 Luglio 2013

E’ stato discusso questa mattina al Tribunale della libertà di Bologna l’appello della Procura di Piacenza contro la decisione del giudice per le indagini preliminari Giuseppe Bersani di concedere gli arresti domiciliari a quattro dei sei agenti finiti in manette per traffico di stupefacenti e favoreggiamento della prostituzione e dell’immigrazione clandestina.
Presenti in aula gli avvocati dei quattro agenti interessati (Paolo Cattivelli, Claudio Anastasio, Luciano Pellilli e Luca Fornasari), il responso dovrebbe arrivare nei primi giorni della prossima settimana.
Oltre ai quattro agli arresti domiciliari, c’è un quinto agente, Enrico Milanesi, che è stato rimesso in libertà (provvedimento contro il quale la Procura non si è appellata), mentre resta in carcere il sesto agente coinvolto, Paolo Bozzini, che si è visto respingere l’istanza di revoca della custodia cautelare in carcere.

L’indagine dei carabinieri del Nucleo investigativo dei carabinieri di Piacenza è coordinata dal pubblico ministero Michela Versini e seguita personalmente dal Procuratore capo Salvatore Cappelleri.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà