Esplode l’influenza estiva: centinaia di bambini a casa con la febbre

15 Luglio 2013

Chi sperava di essersi lasciato alle spalle, insieme al gelo dell’inverno, le fastidiose patologie che spesso vanno a braccetto con la brutta stagione, quest’anno ha dovuto ricredersi: nelle scorse settimane un’inusuale influenza estiva, caratterizzata da febbre alta o molto alta e cefalea, ha colpito nel piacentino diverse centinaia di bambini.
“È una situazione abbastanza insolita anche rispetto alle scorse annate – ha spiegato Giuseppe Gregori, responsabile provinciale della federazione medici pediatri italiani -; si tratta di forme influenzali incomplete, prive di sintomi respiratori ma accompagnate dai classici dolori muscolari e da disturbi gastrointestinali. Nelle ultime tre settimane sono stati registrati centinaia di casi anche a Piacenza, in particolare tra i bambini di età compresa tra i 3 e i 10 anni”.

“Non ci risultano particolari condizioni che abbiano determinato questa ondata anomala d’influenza – ha precisato Gregori – il contagio è facilitato dai luoghi dove i più piccoli vivono in comunità, come campus e centri estivi frequentati soprattutto in questi mesi. Consigliamo alle famiglie di non allarmarsi alla prima febbre – ha proseguito Gregori – e di rivolgersi con fiducia al medico di famiglia, come farebbero in qualsiasi altro periodo”.

Il peggio sembrerebbe essere passato: da qualche giorno sono diminuiti i bambini che affollavano gli ambulatori e i pediatri si aspettano una normalizzazione del numero di casi influenzali, così come previsto in questa stagione.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà