Tutto pronto per la serata in piazza Cavalli a difesa del 118

17 luglio 2013

20130716-224531.jpg

È arrivato il giorno tanto atteso: stasera alle 21 in piazza Cavalli si terrà un incontro pubblico aperto alla cittadinanza per salvaguardare la centrale operativa 118 di Piacenza, che una discussa riforma voluta dalla Regione vuole portare a Parma.

Il dibattito sarà presentato da due fondatori del comitato che si oppone al progetto regionale, Domenico Grassi e il portavoce Paolo Rebecchi. In fase di apertura si prevede un rapido riassunto del percorso del comitato dalla costituzione ad oggi, illustrato dalla presidente Mariolina Califano. Da parte del comitato interverrà anche Alberto Negri, che ha seguito con particolare attenzione la presentazione della petizione on-line, estesa anche a esponenti del Parlamento Europeo.

Si attendono inoltre gli interventi del presidente provinciale dell’Ordine dei medici Augusto Pagani, di un rappresentante del Collegio Ipasvi, del sindaco di Piacenza Paolo Dosi e dell’assessore provinciale Pierpaolo Gallini.

“Di particolare rilevanza – spiegano i promotori – è stato il contributo dei membri del comitato, tra cui Giuseppe Monfreda, Flaviano Giovanelli, Valentina Pelizzoni, Bianchi Giancarlo, Salvatore Mancuso e di un elevato numero di volontari che hanno contribuito in ogni modo e forma alla sensibilizzazione della causa”.

Rebecchi ribadisce i punti cardine della discussione che il comitato vuole tassativamente preservare:

– Mantenimento della sede della centrale 118 a Piacenza;
– Nell’ipotesi di trasferimento della centrale, conservazione della governance del 118 locale direttamente a Piacenza, sia in termini di organigramma che di progettualità;
– Autonomia che preveda la parificazione gerarchica tra la nuova centrale 118 ed il territorio piacentino;
– Rivalutazione di quelle pubbliche assistenze che non hanno ottenuto l’accreditamento regionale ma che operano comunque sul territorio con efficienza;
– Mantenimento del protocollo per l’attivazione del codice Blu in caso di sospetto arresto cardiaco.

20130716-234300.jpg

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca

NOTIZIE CORRELATE