Coldiretti, premio a km zero per le auto d’epoca al Trofeo Renati di Bobbio

26 luglio 2013

Sembra un controsenso, eppure è così: al XV Trofeo Antonio Renati  i piloti si sfideranno con le loro auto d’epoca per ottenere il premio a km zero, un premio composto da prelibatezze piacentine, offerte ai primi classificati di ogni categoria, da Coldiretti e Campagna Amica.

Il C.V.S.P. Club Veicoli Storici Piacenza, in collaborazione con il Comune di Bobbio, organizza infatti per il week end del 27 e 28 luglio il XV Trofeo Antonio Renati (Bobbio – Passo Penice), gara di regolarità auto storiche che si concretizza nella rievocazione della famosa salita che, alla fine degli anni ’20, ha rappresentato un punto di svolta nelle competizioni automobilistiche. Le auto percorreranno il tragitto tradizionale e faranno tappa anche nei vicini comuni di Brallo di Pregola, Cortebrugnatella e Ferriere, per un totale di 136 chilometri tra le nostre montagne, località meravigliose nelle quali si trovano diverse aziende Campagna Amica i cui prodotti faranno parte del premio assegnato ai vincitori. In questa gara si inseriranno 4 prove cronometrate denominate “Santa Maria – Campagna Amica” e si effettueranno in località Santa Maria di Bobbio, costituendo il Trofeo Campagna Amica.

Oltre ai premi per i vincitori, a tutti i partecipanti sarà offerta una treccia di pane piacentino, la massima espressione del concetto di filiera corta, filiera che inizia proprio con il grano coltivato esclusivamente nella provincia di Piacenza e termina con la maestrìa dei nostri panificatori.

“E’ con piacere che partecipiamo a queste manifestazioni, sottolinea il presidente di Coldiretti Piacenza Luigi Bisi, ed è ancora più bello poter offrire ai vincitori prodotti davvero locali e simbolo dell’economia di questi luoghi meravigliosi. Il miele dell’azienda agricola Pattarini Gianguido, il vino di Moizo e Scotti produttori agricoli, il Grana Padano Bio unico esempio in Italia e la pasta Ghigi 100% italiana sono tutti esempi di un nuovo modo di vivere il territorio, sostenendone le economie e apprezzandone le ricchezze; questo è il messaggio che i nostri premi vogliono veicolare: l’unicità dei nostri luoghi e delle aziende che vi sorgono, l’eccezionalità dei prodotti a km zero che qui si possono gustare e la soddisfazione di sostenere gli imprenditori agricoli che da anni presidiano l’ambiente per il bene di tutti, per mantenere la bellezza di queste zone affinché tutti ne possano godere”.

 

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca

NOTIZIE CORRELATE