Omicidio via Degani, la sorella: “Giorgio aveva prestato denaro”

29 Luglio 2013

E’ ancora sotto choc la sorella di Giorgio Gambarelli, il 67enne pensionato trovato morto sabato sera nella sua abitazione di via Degani. La sorella era stata la prima a lanciare l’allarme. Ai microfoni di Telelibertà ha dichiarato: “Negli ultimi giorni Giorgio era molto tranquillo, ma so che un mese fa aveva prestato 4.000 euro a uno straniero”. Secondo la sorella sarebbe stato l’assassino a staccare il telefono di casa per ritardare il ritrovamento del cadavere. Oggi l’autopsia farà luce sulle cause del decesso.

NOTIZIA DEL 29 LUGLIO – Giorgio Gambarelli, il 67enne trovato morto sabato sera nel proprio appartamento di via Degani, potrebbe essere stato ucciso quello stesso pomeriggio. A fornire un importante dettaglio, è stato uno dei vicini di casa della vittima, il quale ha dichiarato che il 27 luglio, verso mezzogiorno e mezzo, aveva incrociato, sull’uscio della palazzina, l’ex fisioterapista: “Ci siamo visti qui davanti a casa, io uscivo e lui stava entrando – ha spiegato l’inquilino del palazzo – ci siamo salutati come sempre, avevamo un ottimo rapporto di vicinato; lui era tranquillo e sorridente come al solito”. La testimonianza restringerebbe il range dell’orario dell’omicidio sul quale stanno indagando i carabinieri. Domani è prevista l’autopsia sul corpo della vittima.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà