Delitto Gambarelli: sentito un giovane indicato dalla sorella

31 Luglio 2013

Proseguono a pieno ritmo le indagini del nucleo investigativo dei carabinieri di Piacenza per individuare il colpevole dell’assassinio di Giorgio Gambarelli, il 67enne trovato morto la sera di sabato 27 luglio nel proprio appartamento di via Degani.
Tutte le piste restano aperte, compresa quella indicata dai familiari della vittima: Luisa Gambarelli, sorella di Giorgio, aveva parlato di un prestito di circa 4.000 euro che il fratello aveva in sospeso con un giovane di origini nordafricane, che non ha mai restituito i soldi. Il ragazzo nei giorni scorsi sarebbe stato individuato e interrogato dagli investigatori ma non sarebbero emersi elementi decisivi ai fini delle indagini.

La morte del pensionato per ora resta un giallo, anche se l’esito dell’autopsia effettuata ieri ha chiarito le modalità del delitto: Gambarelli è stato aggredito alle spalle e colpito alla gola con un unico fendente che non gli ha lasciato scampo. Non si esclude che nell’omicidio possano essere coinvolte più persone: la dinamica del brutale assassinio fa presumere che l’ex fisioterapista conoscesse l’aggressore e gli abbia aperto spontaneamente la porta di casa, poi chiusa a chiave dallo stesso assassino.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà