In alta Valnure rinnovato il gemellaggio francese

12 agosto 2013

E’ stretto il legame tra le comunità dell’alta Valnure e la cittadina di Nogent sur Marne alle porte di Parigi. Bettola si è vestita dei tricolori italiano e francese per la celebrazione del trentesimo anniversario del gemellaggio. La solenne cerimonia è stata la conclusione della due giorni di festa, iniziata sabato a Ferriere e Farini, per omaggiare l’importante traguardo e rinnovare la volontà di proseguire con determinazione in quel patto di amicizia che i sindaci di Bettola, Farini, Ferriere e Nogent sur Marne hanno nel 1983. A fare gli onori di casa in piazza Colombo i rappresentanti del comitato organizzatore dell’evento, Pietro Perani, Paolo Labati e Roberto Boiardi, con i primi cittadini e le loro amministrazioni.
Un gemellaggio che può porre le basi per dare una speranza anche ai giovani, che oggi soffrono per la crisi e la conseguente carenza di lavoro. «Noi che abbiamo alle spalle una storia di emigrazione epocale che ha segnato le nostre comunità – ha osservato il primo cittadino di Bettola, Sandro Busca -, dobbiamo fare tesoro di questa memoria per edificare un futuro di speranza basato sulla cooperazione e non sulla contrapposizione”. Significativa anche l’intitolazione del ponte sul Nure a Lazzaro Ponticelli, alpino scomparso a 110 anni emblema dell’emigrazione piacentina.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca