Arresto cardiaco: con l’ipotermia terapeutica aumenta la sopravvivenza

12 Agosto 2013

20130812-114549.jpg

È stato presentato all’ospedale di Piacenza il percorso di ipotermia terapeutica per il trattamento dei pazienti con arresto cardiocircolatorio. L’Artic Sun è un’apparecchiatura che abbassa la temperatura corporea e il metabolismo per ridurre il pericolo di danni cerebrali in caso di arresto cardiaco. La preziosa donazione del valore di 30mila euro arriva da Coop Eridana che già da tre anni ha avviato un percorso con Progetto Vita. La tecnica è utilizzata dal mese di aprile nel presidio ospedaliero di Piacenza e da allora i pazienti trattati sono stati nove, il 66% è completamente guarito. Le nuove attrezzature consentono a Piacenza di essere l’unica realtà italiana “cardiac arrest unit” grazie al defibrillazione precoce con 410 defibrillatori tra città e provincia, il trattamento ipotermico in ambulanza (pads donati da “Il cuore di Piacenza” per 15mila euro) e la nuova strumentazione a disposizione della Terapia intensiva.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà