Biogas a Borgotrebbia, il comitato pronto a bloccare le strade. Tensione con la Paver

22 Agosto 2013

E’ sempre molto alta la tensione attorno al progetto di realizzazione di un impianto biogas a Borgotrebbia. Oggi il comitato che si oppone all’opera, ritenuta pericolosa e inquinante, ha annunciato che i cittadini sarebbero pronti a gesti di lotta molto forti per fermare l’iter: “Stiamo ricevendo da parte dei cittadini di Borgotrebbia, richieste di occupazione dei campi del privato che vuole costruire l’impianto e di blocco delle strade per far sentire la nostra voce con forza. Per il momento, noi del comitato, stiamo riuscendo a tenere a freno questa voglia di fare visti i buoni rapporti che ci legano al sindaco Dosi e alle rassicurazioni che lo stesso ci ha finora fornito, ma non sappiamo fino a quanto riusciremo a mantenere la calma tra i cittadini”.

Nel mirino anche l’azienda Paver, a cui il comitato chiede chiarimenti su teleriscaldamento e viabilità : “In caso di mancato incontro con l’ingegner Parenti nei prossimi giorni saremo costretti ad usare maniere forti e l’idea è quella di bloccare la circolazione dei camion che lavorano per la ditta Paver”.

Una circostanza che Giuseppe Parenti, presidente della Camera di commercio e presidente Paver, ritiene inaccettabile, smentendo il presunto accordo diretto con i proprietari della centrale a biogas.

IL COMUNICATO DEL COMITATO NO-BIOGAS

© Copyright 2021 Editoriale Libertà