Dynamo Camp, dove i bambini malati “rinascono”. C’è un volontario piacentino

11 Settembre 2013

C’è un posto in Italia che si chiama Dynamo Camp situato a San Marcello Pistoiese (PT) dove la cura è ridere e la medicina è l’allegria.
Ogni anno la struttura ospita gratuitamente migliaia di ragazzi dai 6 ai 17 anni costretti a convivere con malattie debilitanti. Bambini che spesso, a causa di patologie gravi o croniche, devono trascorrere molto tempo in ospedale perdendo il contatto con la realtà e sentendosi isolati.
Nonostante siano piccoli e indifesi devono fare i conti con prove da adulti, diventare grandi all’improvviso e nel peggiore dei modi.

Dynamo Camp è nata per farli sentire ancora una volta “semplicemente bambini”. La struttura è situata nel cuore dell’Appennino tosco-emiliano all’interno di una riserva naturale affiliata al Wwf, praticamente un luogo magico dove i ragazzi (provenienti da tutta Italia e dall’estero) si “trasformano” perché hanno l’opportunità di stare insieme e trascorrere un periodo di divertimento e svago attraverso sport, spettacoli, attività di gruppo, eventi culturali. Tutto con lo scopo di aiutarli a ritrovare serenità, spensieratezza e fiducia in se stessi.

Alla Dynamo Camp lavora, come volontario, il piacentino Mario Perotti: “Per me è sempre un’esperienza straordinaria e un’emozione indescrivibile. I ragazzi ritrovano la voglia di vivere e di lottare e si creano tra di loro delle amicizie profonde e indissolubili”. Il lavoro dei volontari è fondamentale per il progetto Dynamo e la disponibilità richiesta varia a seconda delle esigenze. Il Camp, realtà al momento unica in Italia, offre ospitalità anche alle famiglie e ai fratelli dei bimbi malati, spesso caricati di un senso di responsabilità molto forte.

Per far conoscere la struttura e dare la possibilità a tutti di visitarla è stato organizzato un open day il 6 ottobre.
Le informazioni sono reperibili sul sito www.dynamocamp.org

© Copyright 2021 Editoriale Libertà