Liti tra condòmini; 84 richieste di mediazione da inizio anno

18 Settembre 2013

Giulio Merli, mediatore sociale di Acer

Il problema è antico almeno quanto la nascita degli stessi condomini; ci sono inquilini accusati di avere abitudini troppo rumorose, genitori che lasciano giocare i bambini in orari non canonici e chi ingombra le aree comuni con biciclette o passeggini.

In poche parole diverbi tra vicini di casa; un problema che, da inizio anno a oggi, ha richiesto ben 84 volte l’intervento del mediatore sociale di Acer, ufficialmente attivo da gennaio 2013. I colloqui per appianare le divergenze, attuati con maggior frequenza nelle residenze popolari della città, sono stati risolutivi in 64 casi mentre le situazioni più complesse restano monitorate da Acer. La causa più comune dei litigi tra condomini è da ricercarsi nelle differenze generazionali e nei diversi ritmi di vita che caratterizzano nuclei composti da anziani o da giovani.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà