Bonus ristrutturazioni: a Piacenza gli interventi non decollano, +15%

24 Settembre 2013

Le agevolazioni fiscali del Governo, previste per i lavori di ristrutturazione e miglioramento energetico – rispettivamente bonus del 50 e del 65% – non hanno influenzato in maniera decisiva l’andamento del settore edile locale né hanno convinto una fetta importante della popolazione a procedere con gli interventi; secondo i dati raccolti da alcune associazioni di categoria (Unione artigiani, Cna, Libera associazione artigiani), confrontati con quelli relativi all’anno precedente, il provvedimento, per ora, non ha sbloccato la situazione di “stallo” generale.

Le opere di ristrutturazioni di abitazioni private, per Cna, sono cresciute del 15% rispetto al 2012; aumenti poco significativi sono stati registrati anche da Unione artigiani mentre il numero delle Scia (Segnalazione certificata di inizio attività) pervenute al Comune di Piacenza, è passato da 356 dello scorso anno alle 424 del 2013.

L’impressione generale è che le agevolazioni fiscali, da tutti considerate un ottimo primo passo, da sole non siano sufficienti a far ripartire il settore; l’ostacolo maggiore, evidenziato dalle associazioni di categoria e dall’assessore all’urbanistica e al territorio di Palazzo Mercanti, Silvio Bisotti, è la difficoltà dei cittadini a reperire i capitali necessari per far fronte a ristrutturazioni importanti.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà