Operaio picchiato davanti a Ikea non riconosce gli aggressori: assolti

28 settembre 2013

20130927-195402.jpg
Operaio albanese tenta di recarsi al lavoro all’Ikea nonostante lo sciopero dello scorso dicembre, ma era stato picchiato. Imputati di lesioni e violenza privata per quell’episodio due tunisini assolti ieri in Tribunale a Piacenza. L’operaio non li ha riconosciuti per coloro che lo avevano picchiato. I fatti ricostruiti in aula ci riportano alla vertenza dei dipendenti della cooperativa di facchinaggio dell’Ikea. La protesta dei lavoratori era tesa alla richiesta di reintegro al lavoro di sette dipendenti sospesi dal servizio. I fatti di cui si è discusso ieri in tribunale sono avvenuti il 20 dicembre del 2012. Imputati di lesioni aggravate e violenza privata due tunisini. Ad essere malmenato un operaio albanese che ieri davanti al giudice non ha riconosciuto nei due imputati per coloro che lo avevano picchiato provocandogli ferite che i medici avevano giudicato guaribili con oltre trenta giorni di prognosi.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca

NOTIZIE CORRELATE