Provincia

Castelsangiovanni, il sindaco: “Troppi atti vandalici”. In arrivo nuove telecamere

1 ottobre 2013

Vandali al parco giochi (archivio)

Recinzioni divelte, campi giochi di quartiere distrutti, impianti di illuminazione messi fuori uso e attacchi alle automobili posteggiate per strada; il fenomeno del vandalismo, ad opera di bande di minorenni, è un fenomeno molto sofferto a Castelsangiovanni, oltre che pagato a caro prezzo.

Nel corso degli ultimi anni gli attacchi alle strutture pubbliche sono costati al Comune decine di migliaia di euro e hanno creato seri problemi di sicurezza, tanto da decidere di implementare le telecamere di sorveglianza presenti sul territorio: “Acquisteremo tre nuovi occhi elettronici e ci stiamo interessando alle telecamere mobili, da collocare, all’occorrenza, nelle zone dove si presenta maggiormente il problema – ha spiegato il primo cittadino Carlo Capelli – l’ottima collaborazione tra carabinieri e vigili urbani è riuscita a contenere la situazione, ma le risorse sono risicate e gli episodi molto numerosi”.

I giovani vandali spesso si ritrovano proprio ai giardini pubblici, danneggiando i gazebo e creando disturbo alla quiete pubblica, soprattutto in orario notturno: “I singoli cittadini difficilmente ci segnalano la situazione, non hanno voglia di esporsi perché hanno paura “ ha precisato il sindaco.

“Stiamo elaborando un progetto condiviso con l’Ivri, in modo tale da aumentare lo scambio di informazioni e poter aumentare la prevenzione; vorremmo riuscire a comunicare alla popolazione una maggiore percezione di sicurezza” ha concluso Capelli.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Provincia Val Tidone Video Gallery

NOTIZIE CORRELATE