Rapina a un’anziana a Pontenure: patteggia due anni

10 ottobre 2013

Due anni al giovane tunisino che con due complici (rinviati a giudizio) è accusato di avere rapinato un’anziana nel gennaio scorso a Pontenure. I carabinieri non credevano ai loro occhi quando hanno effettuato il sopralluogo nell’abitazione dove poco prima una truffa si era trasformata in rapina impropria (la 76enne era stata infatti colpita al petto): gli sconosciuti si erano dimenticati una cartellina contenente un quaderno su cui c’era un nome. Grazie a questo colpo di fortuna, (una dimenticanza fatale per lo straniero), le indagini sul fatto avevano preso la strada giusta. Strada che ha portato i carabinieri nel Lodigiano e ha consentito agli investigatori dell’Arma di dare un nome ai tre.

Ieri mattina lo straniero che aveva dimenticato il quaderno, ha scelto di essere giudicato con il rito del patteggiamento davanti al gup Giuseppe Bersani. Pubblico ministero era Ornella Chicca, l’imputato era difeso dall’avvocato Sergio Castagnetti. Dopo l’accordo tra difesa e pubblico ministero l’imputato ha patteggiato due anni di reclusione e 254 euro di multa.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca

NOTIZIE CORRELATE