Acqua sprecata, Piacenza terza in Italia per la riduzione dei consumi

11 ottobre 2013

Il consumo domestico di acqua a Piacenza è calato del 31,1% in dieci anni. Lo dice il “Rapporto sulla Qualità dell’Ambiente Urbano” presentato oggi a Roma dall’Ispra. Gli italiani stanno limitando i consumi ma, in base ai dati raccolti, restano “spreconi”. In Italia in media, il consumo è diminuito del 14,5%: la città con la riduzione più significativa è stata Monza (- 48,4%), seguita da Parma (-34,5%) e Piacenza (-31,1%); Messina è quella che, al contrario, ha aumentato maggiormente l’uso dell’acqua in casa (+17,5). L’acqua effettivamente consumata, o meglio pagata, da ogni singolo utente si attesta su 180 litri al giorno per abitante. “A livello europeo – si legge nel rapporto – è interessante notare che città importanti come Berlino, Londra e Madrid che consumano rispettivamente 163, 159 e 140 litri al giorno per abitante, e riescono a mantenere bassi i consumi mantenendo un servizio adeguato”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca

NOTIZIE CORRELATE