“Soldi ai profughi, ma l’asilo Vaiarini chiude”, la protesta di Cavalli (Ln)

11 ottobre 2013

“Ecco l’integrazione modello-Dosi: per gli alloggi di falsi profughi i soldi ci sono, ma mancano per tenere aperto l’asilo Vaiarini. Questo è un insulto ai piacentini”.

L’annuncio di chiusura dell’asilo Vaiarini scatena la protesta del consigliere regionale leghista Stefano Cavalli contro il sindaco Paolo Dosi. “E’ un affronto ai cittadini. Il sindaco sta usando i nostri soldi per pagare l’alloggio a falsi profughi (che a quanto pare nulla avevano a che fare con l’emergenza libica) e li nega alle nostre famiglie. Dosi sta mantenendo a spese dei cittadini, da oltre due anni, decine di persone che non ne hanno titolo e nega un asilo ai figli dei piacentini. Sono scelte vergognose. Chiediamo subito che ne riferisca pubblicamente”.

“Sosteniamo la battaglia dei genitori. Siamo pronti a portarla in Regione e, se il caso, a coinvolgere i nostri parlamentari per opporci con ogni mezzo a questa vergogna”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca