Chiusa la “Pia 100 miles”, gara di corsa in montagna

24 ottobre 2013

Appennino - Monte Nero

Si è conclusa l’edizione zero della “PIA 100 miles”, la seconda gara di corsa in montagna più lunga d’Italia. La corsa, che si è svolta in territorio piacentino, ha visto gli atleti percorrere oltre 160 chilometri.

Dopo aver superato due delle cime più alte previste dal percorso – il Monte Nero (1.756 metri) e il Monte Bue (1.775 metri) – la carovana della corsa ha raggiunto la Vecchia Dogana, ossia il rifugio Gaep vicino a Selva di Ferriere. Al termine di questo primo tratto di circa 80 chilometri, la seconda parte della gara ha attraversato la Valle Tribolata; Prato Cipolla; Passo Crociglia; Cantone; Cattaragna; Ruffinati; Lisore; Cariseto; per arrivare poi in Val Trebbia, precisamente ad Ottone. E dopo altre tre cime davvero impegnative – il Monte Alfeo (1.651 metri); il Monte Carmo (1.641 metri) e il Monte Lesima (1724 metri) – la corsa è terminata a Bobbio.

La PIA 100miles è una creatura piacentina Doc. La gara infatti è stata organizzata dall’associazione sportiva Lupi d’Appennino in collaborazione con la Provincia di Piacenza, i comuni di Bobbio, Cerignale, Coli, Farini, Ferriere, Ottone e Zerba e con il supporto indispensabile del CAI e del Comitato marce piacentino della Fiasp.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca