Provincia

Pianello, scariche elettriche sul cane da caccia: denunciato

25 ottobre 2013

Collare-elettrico-cane

La polizia eco-zoofila della Lega nazionale della difesa del cane ha denunciato alla Procura della Repubblica un cacciatore milanese che due settimane fa è stato sorpreso mentre conduceva il proprio cane con l’aiuto di un collare elettrificato, strumento notoriamente vietato dalla normativa. Una pratica assai odiosa che, nonostante le pesanti sanzioni previste, pare ancora difficile da debellare.

Gli animali infatti vengono tenuti a bada attraverso scariche elettriche che impediscono al cane di allontanarsi eccessivamente dal cacciatore o addirittura rappresentano la modalità per impedire all’animale di abbaiare. L’attrezzo è utilizzato soprattutto in sede di addestramento dei giovani segugi da caccia ancora inesperti. Si tratta di collari che possono rilasciare scosse di potenza piuttosto importanti e che possono avere ripercussioni sulla salute del cane.

Il cacciatore milanese è stato denunciato per maltrattamento di animali: rischia da 3 mesi ad un anno di reclusione o una sanzione minima di 3mila euro che può però salire fino ad un massimo di 15 mila euro.
collare elettrico

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Provincia Val Tidone